La libreria

Abbiamo scelto di aprire una libreria, e precisamente di libri usati, perché è un lavoro anarchico. Nessuno ti dice come lavorare, non hai a che fare con distributori, robe simili. Compri da persone come quelle alle quali vendi. E conosci persone, tutti i giorni, chiunque. I noiosi che blaterano a senso unico e quelli con cui invece si conversa bene. Nascono anche belle amicizie. Del resto la libreria non è come un negozio di ferramenta. Si è in vetrina come le puttane a Amsterdam; non semplicemente dietro un banco di vendita.

AtalantePerché chiamarla L’Atalante. Sì, certo, Jean Vigo, regista anarchico. Ma c’è qualcosa di più vicino: un amore di coppia che s’interrompe e si rigenera dopo un momento di tentata evasione di lei e di drammatico smarrimento di lui. Qualcosa che Vilma ed io sentivamo che ci riguardasse. Tanto che sarebbe successo.   Poi c’è la bassa velocità della chiatta. Quella velocità della vita senza la quale il magico quotidiano sfugge, non si può cogliere, fino a pensare che sia solo un modo di dire. E’ così che la gente se lo perde e spende una marea di soldi in distrazioni che non producono conseguenze.

Jean Vigo

Quanto ai libri, qualcosa ci rispecchia e qualcosa no. Come tutta la cosiddetta cultura – parlo anche per Vilma perché su queste cose siamo sempre straordinariamente d’accordo. Ma il tipo di libro che non ci rispecchia, se è richiesto, trovarne! Per noi, quella parte così spudoratamente autoreferenziata della produzione culturale sarebbe morta e sepolta – alludo soprattutto alle produzioni sperimentali. Fatto sta che tanta gente ne è ancora affascinata, sente ancora tanto il bisogno di stare dalla parte dell’inarrivabile, inaccessabile.
Ci sono libri che non trattiamo per partito preso: soggetti religiosi, locali e bellici. D’altronde è una piccola libreria (25 mq compreso il bagno) e bisogna pure darle un taglio. Ma riguardo letteratura, poesia, cinema, teatro, musica, filosofia etc., facciamo sempre in modo di essere ben forniti di titoli introvabili e che non siano appassiti, come ce ne sono ancora tanti in giro.
Ciò che comunque ci rispecchia di sicuro è che da noi i libri costano poco. Non siamo dei bibliofili, per cui ci sembra assurdo far costare tanto i libri. E quando pure a qualche libro particolarmente raro mettiamo un prezzo “collezionistico”, è sempre il più basso che si trova in rete. Insomma, che in molti ne approfittino.

Vilma e Paolo

 

Libreria l'Atalante

La libreria vende e acquista libri, cd, e dvd usati

libri di letteratura, poesia, cinema, teatro, musica, arte, architettura, filosofia, politica, movimenti sociali, psicologia, psicoanalisi, sociologia, antropologia

cd di musica classica e jazz

dvd di film d’autore (non in rete, acquistabili solo in libreria)

I libri e i cd, oltre che acquistabili in libreria, possono essere ordinati per telefono (02.29523044) o per e-mail (libreria@atalante.it) e ricevuti per posta con pagamento paypal o contrassegno.

La libreria effettua gli acquisti sia in sede che a domicilio.

Indirizzo: via Tadino 30 (MM1 Lima) 20124 Milano
Orario: dal martedì al sabato, ore 11-13, 16-20

 

Come raggiungerci con i mezzi pubblici »

La libreria was last modified: luglio 8th, 2016 by Admin